FAQ

Home / FAQ

Domande e risposte.

Si, perché aiuta a prevenire la carie. Può essere somministrato in compresse o gocce.

Ogni 3 mesi. Sia quello manuale che la testina di quello elettrico. Prima di questo periodo quando le setole sono curve.

3 volte al giorno. Importantissimo è lavarsi i denti prima di andare a dormire.

Sì, perche riempie i solchi e le fossette dei denti con materiali resistenti si rende la superficie masticatoria liscia, in modo tale che i cibi possono essere rimossi facilmente.

A un anno di vita. successivamente ogni 6-12 mesi.

Il primo dentino da latte erompe intorno al 6° mese di vita

Quando i denti cominciano ad erompere si devono lavare. Non dare al bambino il biberon pieno di succo di frutta o latte per farlo addormentare. Non dare il ciuccio con lo zucchero o miele.

Servono per conservare lo spazio per i denti permanenti e per un corretto sviluppo della mascella e della mandibola.

A 6-7 anni. I primi denti permanenti sono i due incisivi inferiori a cui faranno seguito la comparsa dei primi molari superiori e inferiori.

E’ la presenza nella bocca del bambino tra i 6 e 12 anni di denti da latte e denti permanenti.

No. Il materiale utilizzato è titanio di tipo medicale chirurgico, totalmente biocompatibile, lo stesso utilizzato nella chirurgia Ortopedica.

E’ fondamentale fare indagini radiografiche ed una visita clinica che permetta di valutare il caso nella sua complessità. In linea di massima è consigliata in casi di affollamenti dentali non gravi, rotazioni e problematiche di tipo estetico.

Anche se la devitalizzazione è eseguita nel modo corretto, un dente devitalizzato, può continuare a fare male anche per 30-40 giorni.

E’ fondamentale che chi si sottoponga a terapia impiantare riduca il numero di sigarette e curi molto bene l’igiene orale, in quanto il fumo può determinare la perdita precoce di un impianto.

Si, la malattia paradontale (piorrea) è una malattia genetica che viene trasmessa dai genitori ai figli. Inoltre essendo causata dalla presenza di batteri parodontopatogeni è anche una malattia contagiosa.

Le linee guida consigliano di effettuare un’igiene orale ogni 6 mesi, permettendo un periodico controllo dal dentista.

Sì, è possibile effettuare un trattamento ortodontico anche in un paziente adulto, sempre con preliminari indagini radiografiche ed una accurata visita clinica.

Lo sbancamento dentale professionale effettuato da personale qualificato in uno studio dentistico non arreca danno ai denti.

Un impianto dentale è una vite in titanio biocompatibile che, inserito nell’osso, si connette intimamente a quest’ultimo diventando una radice dentaria artificiale. Su questa radice è poi possibile inserire una corona proteica in sostituzione del dente mancante.

Scatti e rumori mandibolari sono frequenti e interessano un’articolazione particolare dello scheletro facciale, la temporomandibolare. Se si sente un clic o si avverte uno scatto o un blocco significa che il disco articolare non è posizionato in maniera corretta. Un intervento tempestivo con l’applicazione di un bite (un apparecchio), si riesce a ripristinare il suo corretto posizionamento e la sua piena funzionalità.

La nostra forza

  • Esperienza

    Lavoriamo e ci dedichiamo ai nostri pazienti da oltre trent’anni. Oltre lo studio e la continua formazione è l’esperienza a guidare le nostre mani.

  • Competenza

    I nostri collaboratori lavorano nel settore da diversi anni. Dedicano molto tempo alla formazione per offrire ai nostri pazienti soluzioni personalizzate.

  • Disponibilità

    La serietà che mettiamo nel nostro lavoro ci porta a saper ascoltare ed assecondare le richieste dei nostri pazienti. La loro salute ed il loro benessere rappresentano il nostro principale obiettivo.